Vai al contenuto

Bio.Mic, L’apicoltura che vorrei

Il primo progetto firmato dall’Associazione, finanziato dal Masaf e realizzato in collaborazione con Agri Rete Service soc. coop. e Consultapi, nasce allo scopo di attivare e promuovere processi produttivi rispettosi dell’ambiente e del benessere animale, che salvaguardino la biodiversità, la salute del consumatore finale e, non ultimo, che offrano un sostegno concreto al comparto apistico nel suo insieme. Per farlo, il progetto intende costruire un dialogo costante tra produttore, che necessita di conoscere ed approfondire il reale vantaggio dell’apicoltura biologica, ed il consumatore, ancora poco propenso a riconoscere un maggior valore al prodotto miele biologico rispetto a quello convenzionale.

Bio.Mic, L’apicoltura che vorrei, intende perciò:

  • favorire un’agricoltura senza pesticidi e con processi produttivi dal ridotto impatto ambientale;
  • indirizzare gli operatori verso un percorso produttivo più sostenibile e remunerativo, accompagnandoli verso un percorso di conversione;
  • garantire al consumatore finale un prodotto più sano e controllato;
  • applicare tecniche di allevamento delle api rispettose del benessere animale;
  • promuovere l’impiego di allevamenti con api autoctone, sia per le loro caratteristiche morfologiche e comportamenti, sia per il loro legame profondo con la biodiversità dei territori italiani.
  • Stimolare ed orientare il consumatore vs l’acquisto di prodotti biologici.